M. Delfino
SE/TC9 Manuale del Ragioniere Comunale
Programmazione - Gestione finanziaria - Indebitamento - Patto di stabilità - Rendicontazione - Servizi pubblici locali - Aspetti fiscali
• Aggiornato alla L. 102/2009, di conversione del D.L. 78/2009 (Provvedimenti anticrisi), alla Finanziaria 2009 (L. 203/2008) e ai Decreti attuativi e alle Circolari esplicative
• Nel CD-Rom la modulistica di settore
Manuale del Ragioniere Comunale

2009

pp. 608

Prezzo €: 64,00

formato 17 x 24

 

(9788851305819)

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Il Manuale del Ragioniere Comunale rappresenta un importante strumento di lavoro per quanti si avvicinano per la prima volta alle problematiche operative degli uffici finanziari degli Enti locali, ma anche un utile riferimento per gli addetti ai lavori più esperti, visti i frequenti aggiornamenti normativi che interessano il settore.
Gli argomenti sono esposti seguendo i diversi momenti gestionali della vita dell'ente (programmazione e bilancio, gestione finanziaria e rendicontazione), fornendo, nel contempo, un supporto pratico con formulari, schemi e modelli. Particolare attenzione è dedicata al patto di stabilità, alle nuove forme di finanziamento degli investimenti e agli adempimenti fiscali che l'Ente locale è tenuto a rispettare come soggetto passivo d'imposta.
Questa quinta edizione presenta, inoltre, due novità, occupandosi anche degli aspetti legati alla gestione dei servizi pubblici locali e al contenimento della spesa per il personale.
Per le caratteristiche descritte il volume è indirizzato non solo agli operatori negli enti locali, ma anche agli amministratori e ai consulenti che necessitano di approfondire la materia.
1 I documenti di programmazione
1.1 Il bilancio di previsione annuale
1.1.1 Principi del bilancio
1.1.2 Struttura del bilancio
1.1.3 Fase preliminare per la formazione del bilancio di previsione
1.1.4 Gli allegati al bilancio di previsione annuale
1.2 Il bilancio di previsione pluriennale
1.3 La relazione previsionale e programmatica
1.4 Il programma triennale e l’elenco annuale dei lavori pubblici
1.5 Esercizio provvisorio e gestione provvisoria
1.6 Procedura di formazione e approvazione del bilancio
1.6.1 Adempimenti successivi
1.6.2 Certificato al bilancio
1.7 Limite all’esecuzione forzata
1.8 Il piano esecutivo di gestione
1.8.1 Struttura del piano esecutivo di gestione
2 La gestione finanziaria dell’ente
2.1 Premessa
2.2 La gestione delle entrate
2.2.1 L’accertamento, la riscossione, il versamento
2.3 Le entrate a specifica destinazione
2.3.1 I proventi dei permessi di costruire
2.3.2 I proventi delle concessioni cimiteriali
2.3.3 I proventi delle sanzioni amministrative pecuniarie
2.3.4 I diritti di segreteria
2.4 La gestione dell’economato
2.4.1 Gli agenti contabili
2.5 Il servizio di tesoreria
2.5.1 La convenzione
2.5.2 I criteri di valutazione
2.5.3 L’anticipazione di tesoreria
2.5.4 SIOPE (Sistema Informativo sulle Operazioni degli Enti Pubblici)
2.5.5 Che cosa comporta
2.6 La gestione delle spese
2.7 L’impegno, la liquidazione, l’ordinazione e il pagamento
2.8 Determinazioni e pareri
2.9 Le variazioni di bilancio
2.9.1 L’assestamento generale di bilancio
2.10 Le variazioni di PEG
2.11 Gli equilibri di bilancio
2.11.1 Le misure di salvaguardia
2.11.2 I debiti fuori bilancio
2.11.3 Lo stato di attuazione dei programmi
Appendice - Griglie dei codici
3 L’indebitamento
3.1 Investimento
3.2 Piano economico finanziario
3.3 Il mutuo
3.3.1 Il mutuo con la Cassa depositi e prestiti
3.3.2 Il fondo progettualità
3.3.3 Il mutuo con gli altri istituti di credito
3.4 Il certificato sui mutui
3.5 Rinegoziazione mutui ex art. 1, co. 71-77, L. 311/2004
3.6 Aperture di credito
3.7 Il prestito flessibile della Cassa depositi e prestiti Spa
3.8 Comunicazioni relative all’accesso ai mercati finanziari
3.9 Il prestito obbligazionario
3.10 I contratti in strumenti finanziari derivati
3.11 Il project financing
3.12 La cartolarizzazione
4 Il patto di stabilità
4.1 La disciplina del patto di stabilità per il triennio 2009/2011
4.2 Chiarimenti ministeriali
4.3 Ultimi aggiornamenti normativi
5 Il rendiconto
5.1 Il conto del bilancio
5.1.1 Il riaccertamento dei residui
5.2 Il conto economico
5.3 Il prospetto di conciliazione
5.3.1 Il nuovo prospetto di conciliazione
5.4 Il conto del patrimonio
5.4.1 Il nuovo conto del patrimonio
5.5 L’inventario
5.5.1 L’ammortamento finanziario
5.5.2 L’ammortamento economico
5.6 Documenti a supporto del rendiconto
5.6.1 Il conto del tesoriere
5.6.2 Il conto degli agenti contabili interni
5.7 Gli allegati al rendiconto
5.7.1 La relazione della Giunta
5.7.2 La relazione dell’Organo di revisione
5.8 L’approvazione da parte del Consiglio comunale
5.9 Referto del controllo di gestione
5.10 Il risultato di amministrazione
5.11 La certificazione
5.12 Spese del personale 2009
Appendice - Conciliazione tra contabilità finanziaria e contabilità economico-patrimoniale, con dimostrazione del raccordo tra avanzo finanziario e utile/perdita economica
6 I servizi pubblici locali
6.1 La gestione dei servizi pubblici locali
6.2 Le disposizioni contenute nel D.L. 112/2008
6.3 Disposizioni in materia di governance delle società partecipate
7 Gli adempimenti fiscali dell’ufficio ragioneria
7.1 I.V.A. – Imposta sul valore aggiunto
7.2 Le operazioni I.V.A.
7.2.1 Le operazioni imponibili
7.2.2 Le operazioni non imponibili
7.2.3 Le operazioni esenti
7.2.4 Le attività escluse
7.3 La base imponibile e le aliquote d’imposta
7.4 La soggettività I.V.A. dell’ente locale
7.5 Le attività dei Comuni: regime I.V.A.
7.5.1 Servizi cimiteriali, cessione di loculi
7.5.2 Parcheggi
7.5.3 Visite culturali, mostre, musei
7.5.4 Le attività spettacolistiche
7.5.5 Gestione dei beni demaniali e patrimoniali
7.5.6 Cessioni di beni
7.5.7 Erogazione di acqua, gas, energia elettrica e vapore
7.5.8 Somministrazioni di alimenti e bevande: le mense
7.5.9 Trasporto pubblico locale
7.5.10 Trasporto alunni
7.5.11 Fognatura e depurazione
7.5.12 Gite turistiche e soggiorni climatici
7.5.13 Attività socio-assistenziale
7.5.14 Scuole e corsi di formazione
7.5.15 Smaltimento rifiuti
7.5.16 Entrate di natura patrimoniale
7.5.17 Aggio corrisposto al concessionario
7.5.18 Gestione impianti sportivi
7.5.19 Cessione prodotti agricoli ed ittici
7.5.20 Le farmacie comunali
7.5.21 Canile municipale
7.5.22 Pesa pubblica
7.5.23 Fotocopie
7.5.24 Contributi
7.5.25 Sponsorizzazioni
7.5.26 Matrimoni
7.6 La rivalsa
7.7 La detrazione
7.8 La detrazione negli enti locali
7.9 Gli obblighi strumentali
7.9.1 Dichiarazione di inizio/variazione/cessazione attività
7.9.2 Fatturazione delle operazioni
7.9.3 Liquidazione e versamento dell’imposta
7.9.4 La dichiarazione annuale
7.9.5 Elenco clienti e fornitori
7.10 Rimborsi
7.10.1 Rimborso I.V.A. sui servizi esternalizzati
7.11 Imposte dirette
7.11.1 I.RE.S. – Imposta sui redditi delle società (ex I.R.P.E.G.)
7.12 I.R.A.P. – Imposta regionale sulle attività produttive
7.12.1 Caratteristiche delle operazioni ai fini I.R.A.P.
7.12.2 Determinazione base imponibile: metodo retributivo e metodo del valore della produzione
7.12.3 Obblighi contabili
7.12.4 Dichiarazioni
7.12.5 Modalità di versamento
7.12.6 Il futuro dell’I.R.A.P.
7.13 Ritenute fiscali
7.13.1 Presupposti
7.13.2 Tipologie di reddito
7.13.3 Le ritenute ai dipendenti e ai collaboratori
7.13.4 Redditi assimilati al lavoro dipendente
7.13.5 Collaborazioni coordinate e continuative
7.13.6 Lavoratori autonomi e professionisti
7.13.7 Contributi alle imprese
7.13.8 Indennità di esproprio
7.13.9 Obblighi contabili
Appendice
Maurizio Delfino
Dottore Commercialista, da 20 anni si occupa di enti pubblici, dove ha svolto diverse attività come dipendente, professionista, amministratore. In particolare, è stato responsabile di ragioneria, revisore dei conti, consulente, membro di commissioni di gara, commissioni di concorso, commissioni tecniche, membro di nucleo di valutazione, fornitore di servizi contabili e gestionali, formatore, consigliere comunale, assessore comunale e provinciale.
Formatore su ambiti monografici e sull’aggiornamento normativo, ha insegnato contabilità pubblica in qualità di docente a contratto presso le Università di Genova, Alessandria e Roma (LUMSA), dove attualmente è docente incaricato presso la Facoltà di Giurisprudenza. È relatore in seminari di aggiornamento normativo.
Dirige uno studio professionale dedicato agli enti pubblici, in ambito contabile, tributario, fiscale, del personale e gestionale (www.gruppodelfino.it).
È consulente tecnico del Ministero dell’Interno, in staff al sottosegretario, ed è membro dell’Unità di Semplificazione e Qualità della Regolazione presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri.