F. Di Biasi
SE/TC15 I finanziamenti agli Enti Locali
Finanza innovativa, agevolata e di progetto
I finanziamenti agli Enti Locali

2007

pp. 256

Prezzo €: 26,00

formato 17 x 24

 

(9788851304362)

 
 
 
 
 
 
 
 
 
Il campo dei finanziamenti agli enti locali è un insieme di fonti normative, provvedimenti giurisprudenziali e circolari, difficilmente classificabili e spesso raggruppate in maniera disorganica e caotica.
L'autore riordina l'intera materia senza tralasciare alcuna problematica e offrendo le risposte ai quesiti maggiormente ricorrenti da parte degli operatori del settore.
Le tematiche relative alle fonti di finanziamento delle Amministrazioni locali sono inquadrate con specifico riguardo alle opere pubbliche, senza limitarsi all'esame degli strumenti tradizionali.

Presentazione
1 Autonomie locali e finanza pubblica

1.1 Principi generali
1.1.1 La finanza locale nel sistema delle autonomie locali
1.1.2 Enti locali e riforma della pubblica amministrazione
1.1.3 Le autonomie locali nella riforma costituzionale
1.1.4 Autonomia impositiva
1.1.5 Enti locali e violazione delle norme europee
1.1.6 Il principio di sussidiarietà
1.1.7 Il principio di programmazione negoziata
1.1.8 Le varie forme di collaborazione
1.1.9 La regola europea del patto di stabilità
1.1.10 Principi in materia di contabilità
1.1.11 Schema del bilancio
1.2 Forme e strumenti di governo del territorio
1.2.1 Convenzioni tra enti locali
1.2.2 Consorzi
1.2.3 Comunità montane
1.2.4 Unioni di comuni
1.2.5 Esercizio associato di funzioni e servizi da parte dei comuni
1.2.6 Aziende speciali e istituzioni
1.2.7 Esternalizzazione dei servizi
1.3 Gli accordi di programma
1.4 Conferenza di servizi
2 Le fonti di finanziamento degli enti pubblici
2.1 La programmazione degli investimenti
2.1.1 Strategia finanziaria dell’ente locale
2.1.2 Fonti di finanziamento degli investimenti
2.1.3 Finanziamento delle opere pubbliche e piano economico-finanziario
2.1.4 Condizioni per l’indebitamento
2.1.5 Investimenti degli enti locali
2.1.6 Anticipazioni di tesoreria
2.1.7 Distinzione delle entrate
2.1.8 Avanzo di amministrazione
2.1.9 Entrate straordinarie
2.2 Tipologie di proventi destinati agli investimenti
2.2.1 Risarcimento per opere abusive
2.2.2 Oneri di urbanizzazione
2.2.3 Imposta sulla pubblicità negli ascensori
2.2.4 Sanzioni amministrative del codice della strada
2.2.5 Contributo per l’utilizzo di risorse geotermiche per la produzione di energia elettrica
2.2.6 Alienazioni di beni patrimoniali
2.2.7 Addizionale comunale sui diritti di imbarco
2.2.8 Concessioni cimiteriali
2.2.9 La concessione per realizzare parcheggi
2.2.10 Entrate da lasciti e donazioni
2.3 Entrate da trasferimenti finalizzati agli investimenti
2.4 Concessioni di beni culturali per intervento di restauro
2.5 Valorizzazione e utilizzazione a fini economici dei beni immobili tramite concessione o locazione
2.6 Imposta di scopo per la realizzazione di opere pubbliche
2.7 Diritto di prelazione di immobili
3 Gli strumenti classici di finanziamento
3.1 Le diverse fonti di finanziamento degli investimenti
3.1.1 Condizioni per l’accesso ai mutui
3.1.2 Cassa depositi e prestiti
3.1.3 Istituto di Credito Sportivo
3.1.4 Enti vari
3.2 Ricorso al mercato del credito
3.2.1 Rilascio delle fideiussioni per le garanzie
3.2.2 Modalità di individuazione dell’istituto
3.2.3 Aperture di credito
3.3 La gestione e la ristrutturazione del debito
3.3.1 Energy Risk Management
3.3.2 Brokeraggio Assicurativo
3.3.3 Il programma di monitoraggio del debito
3.3.4 La rinegoziazione dei mutui
3.3.5 Conversione dei mutui in titoli obbligazionari
3.3.6 Estinzione anticipata
4 Finanziamenti agevolati nazionali e comunitari
4.1 Incentivi nazionali
4.1.1 Quota dell’8 per mille dell’IRPEF
4.1.2 Quota del 5 per mille dell’IRPEF
4.1.3 Finanziamenti attraverso i fondi del lotto
4.1.4 Fondo rotativo per la progettualità
4.1.5 Agevolazioni per il credito sportivo
4.1.6 Azioni positive parità uomo-donna
4.1.7 Contributi per il settore energetico
4.1.8 Contributi per interventi in materia ambientale
4.1.9 Fondo per le aree degradate
4.1.10 Fondo per il sostegno agli investimenti per l’innovazione negli enti locali
4.2 Finanziamenti europei
I finanziamenti agli enti locali
4.2.1 Le azioni dell’Unione Europea
4.2.2 Gli obiettivi dei fondi strutturali
4.2.3 I principi
4.2.4 Fondo di coesione
4.2.5 Fondo Europeo di Sviluppo Regionale
4.2.6 Fondi europei per la politica agricola comune
4.2.7 Fondo europeo per la pesca
4.2.8 Fondo sociale europeo
4.2.9 Gruppo europeo di cooperazione transfrontaliera
4.2.10 Regioni ammissibili
4.2.11 Quadro Strategico Nazionale
4.3 I finanziamenti europei alla cultura
4.3.1 Programma Cultura
4.3.1.1 Sostegno ad azioni culturali
4.3.1.2 Sostegno ad organismi attivi a livello europeo nel settore culturale
4.3.1.3 Azioni varie nel settore della cooperazione culturale
4.3.2 Programma Europa per i cittadini
4.4 Programma Leader+
4.5 Programma LIFE
4.5.1 LIFE-Natura
4.5.2 LIFE-Ambiente
4.5.3 LIFE-Paesi terzi
4.6 Gli interventi della BEI
5 Il Fund raising e le sponsorizzazioninegli enti locali
5.1 Fund raising ed enti locali
5.1.1 Concetto di fund raising
5.1.2 I fattori del fund raising
5.1.3 La scelta degli enti locali
5.1.4 La convenzione con associazioni del non profit
5.1.5 La costituzione delle fondazioni locali
5.2 Sponsorizzazioni
5.2.1 Natura giuridica
5.2.2 Distinzione dal patrocinio
5.2.3 Sponsorizzazione e tesoreria comunale
5.2.4 Sponsorizzazione di beni culturali
5.2.5 Sponsorizzazione dei lavori pubblici
5.3 Permuta di beni culturali
5.4 Accordi con le fondazioni bancarie
6 La finanza innovativa
6.1 Gli aspetti della strategia finanziaria
6.1.1 Cultura del rating
6.2 Le emissioni obbligazionarie
6.2.1 La previsione legislativa
6.2.2 Procedura di collocamento
6.2.3 Contenuto della deliberazione
6.2.4 Prezzo di emissione e durata
6.2.5 Tassi applicati
6.2.6 Rimborso del prestito
6.2.7 Garanzie
6.3 Diverse tipologie di operazioni
6.3.1 La fattispecie del titolo obbligazionario
6.3.2 Obbligazioni convertibili
6.3.3 Le obbligazioni strutturate
6.3.4 Obbligazioni cum warrant
6.3.5 Operazioni in strumenti derivati
6.3.6 Contratti forward rate agreement
6.3.7 I contratti futures
6.3.8 Contratti in opzione
6.3.9 Gli swap
6.3.10 Emissioni in pool
6.3.11 L’Euro Medium Term Notes
6.4 Il leasing
6.4.1 Leasing operativo
6.4.2 Leasing finanziario
6.4.3 Locazione finanziaria agli enti pubblici
6.4.4 La scelta dell’intermediario finanziario
6.4.5 La locazione finanziaria di opere pubbliche
6.4.6 Il sale and lease back
6.5 Il factoring pubblico
6.6 Cartolarizzazione
6.6.1 Cartolarizzazione dei crediti
6.6.2 Collocamento dei titoli
6.6.3 Ruolo della Consob
6.6.4 Società per la cartolarizzazione dei crediti
6.6.5 Cartolarizzazione di immobili
7 La finanza di progetto
7.1 I nuovi scenari degli investimenti pubblici
7.1.1 Project financing e finanziamento delle infrastrutture
7.1.2 Project financing riferito agli enti locali
7.1.3 Concetto di lavori pubblici e di lavori di pubblica utilità
7.1.4 Unità tecnica - Finanza di progetto
7.1.5 Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture
7.2 La struttura operativa del project financing
7.2.1 I soggetti coinvolti nel project financing
7.2.2 Funzione del promotore
7.2.3 Soggetti che possono assumere il ruolo di promotore
7.2.4 Il ruolo della P.A.
I finanziamenti agli enti locali
7.2.5 Il ruolo degli istituti bancari
7.2.6 Il ruolo dei finanziatori
7.3 Le fasi del procedimento del project financing
7.3.1 Programma triennale dei lavori pubblici
7.3.2 Contenuti della proposta
7.3.3 Iter della proposta
7.3.4 Valutazione delle proposte
7.3.5 Indizione della gara
7.3.6 Società di progetto
7.3.7 Risoluzione del contratto
7.4 Società di trasformazione urbana
7.4.1 Il tema delle città degradate
7.4.2 Riferimenti giuridici
7.4.3 Finalità della l. 21/2001
7.4.4 Il ruolo degli enti locali
7.4.5 Ruolo dei privati
7.4.6 Costituzione della società
7.4.7 Le previsioni urbanistiche
7.4.8 Convenzione
7.4.9 Modalità di intervento
7.4.10 Le disposizioni dell’art. 30 della l. 269/2003
8 Le nuove tecnologie nella Pubblica Amministrazione
8.1 Le nuove tecnologie nelle vicende degli enti locali
8.1.1 La società dell’informazione
8.1.2 Dal documento tradizionale al documento elettronico
8.1.3 Firma elettronica qualificata
8.1.4 Firma digitale
8.1.5 Validazione giuridica della firma
8.1.6 Norme tecniche di riferimento
8.1.7 Documento elettronico nel nuovo codice dell’amministrazione digitale
8.1.8 Pubblicità e procedimenti amministrativi elettronici
8.1.9 L’e-mail e la posta elettronica certificata
8.1.10 Sportelli unici per le attività produttive
8.2 Le nuove procedure del mercato elettronico
8.2.1 Il sistema degli acquisti
8.2.2 Direttive europee in materia di appalti
8.2.3 Le forme di acquisto
8.2.4 Sistemi dinamici di acquisizione
8.2.5 Aste elettroniche
8.2.6 Concorsi di idee
8.2.7 L’acquisizione di programmi informatici
8.2.8 Interoperabilità e cooperazione applicativa
8.2.9 Il riuso dei programmi informatici
Appendice
Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267. — Testo unico delle leggi sull’ordinamento
degli enti locali. Articoli estratti
Decreto Ministero dell’Economia e delle Finanze 1 dicembre 2003, n. 389. — Regolamento concernente l’accesso al mercato dei capitali da parte delle province, dei comuni, delle città metropolitane, delle comunità montane e delle comunità isolane, nonché dei consorzi tra enti territoriali e delle regioni, ai sensi dell’articolo 41, comma 1, della legge 28 dicembre 2001, n. 448.
Direttiva 2004/18/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 31 marzo 2004. — Coordinamento delle procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici di lavori, di forniture e di servizi. Articoli estratti
Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163 — Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE. Articoli estratti.
Bibliografia
Sitigrafia
Francesco Di Biasi
Laureato in Giurisprudenza all'Università di Bologna, consulente legale d'impresa - area finanza agevolata e organizzazione aziendale - per importanti gruppi imprenditoriali nazionali ed europei, è autore di saggi giuridici in materia di incentivi pubblici e relatore in numerosi convegni sulle agevolazioni finanziarie alle imprese.