L. Pontiggia
SE/TC12 Manuale dell'Economo Comunale
• Il servizio di economato: compiti e responsabilità
• Acquisti di beni e servizi in economia, con procedure telematiche o tradizionali
• Sul CD-Rom modulistica ed esempi di regolamenti
Manuale dell'Economo Comunale

2007

pp. 528

Prezzo €: 40,00

formato 17 x 24

 

(9788851304324)

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Il volume, frutto della lunga esperienza professionale dell'autore, affronta in modo pratico ed operativo tutte le principali questioni attinenti il Servizio di economato quali la nomina, i compiti, le responsabilità, la gestione dei beni e degli inventari, gli obblighi di rendicontazione (anche alla luce della giurisprudenza più recente). Particolare attenzione è stata poi prestata alle procedure di acquisizione di forniture e servizi, sia tradizionali (mediante gare o in economia) sia innovative (telematiche, convenzioni Consip...).
Ricca di suggerimenti pratici questa seconda edizione è aggiornata alle ultime novità legislative (in particolare, al codice dei Contratti pubblici) e costituisce un punto di riferimento per tutti gli operatori dei settori Economato, Contabilità e Tributi degli enti locali.
Sul CD-Rom sono stati riportati, in formato stampabile e facilmente personalizzabile dall'utente, esempi di regolamento di un albo fornitori, la modulistica per l'affidamento del servizio di gestione di una piattaforma elettronica operante in Internet (bando, condizioni di abilitazione...).

Parte prima
Servizi economali e rendiconti degli economi
1 Il servizio di economato

1.1 I servizi economali e la normativa di riferimento
1.2 Il responsabile del servizio economato: individuazione e nomina del soggetto
1.3 Compiti e responsabilità
1.4 Il nuovo ordinamento professionale. L’indennità maneggio valori
1.5 Il regolamento di economato
1.5.1 L’assetto organizzativo del servizio
1.5.2 Tipologia e determinazione delle spese eseguibili
1.5.3 Quantificazione del fondo di dotazione annuale
1.5.4 Operatività con il PEG
1.5.5 Modalità di esecuzione delle spese
1.5.6 Norme sul rendiconto amministrativo
1.5.7 Presentazione del conto alla Corte dei Conti e giudizio di conto
2 Gli inventari
2.1 La gestione dei beni e degli inventari
2.2 Le fasi dell’inventario
2.3 Le varie tipologie degli inventari
2.4 Gli ammortamenti
2.5 I beni mobili inventariabili e quelli da non inventariare
2.6 Consegnatari: compiti e responsabilità
2.7 La contabilizzazione e la gestione dei beni
2.8 Il regolamento di contabilità
2.9 Le responsabilità dell’Economo e dei consegnatari dei beni nella giurisprudenza della Corte dei Conti
Allegato 1 - Giurisprudenza
1) Maneggio di denaro
2) Versamenti
3) Prelievi
4) Gestione di cassa
5) Custodia valori
6) Responsabilità
7) Gestione numerario
8) Gestione di denaro e beni
9) Assicurazione
10) Spese di rappresentanza
11) Agente contabile
12) Inventari
13) Beni inventariabili
14) Consegnatari
15) Gestione e rendicontazione
Allegato 2 - Esempio di regolamento di economato
Allegato 3 - Raccolta normativa
1) D.P.R. 4 settembre 2002, n. 254 (G.U. 13-11-2002, n. 266, s.o., n. 209). Regolamento concernente le gestioni dei consegnatari e dei cassieri delle amministrazioni dello Stato
2) R.D. 16 marzo 1942, n. 262 (G.U. 4-4-1942, n. 79). Approvazione del testo del Codice civile (Articoli estratti)
3) L. 23 dicembre 1994, n. 724 (G.U. 30-12-1994, n. 304, S.O.). Misure di razionalizzazione della finanza pubblica
Parte Seconda
La gestione delle forniture di beni e servizi
1 Le procedure di acquisto

1.1 Il ruolo della Consip dopo le leggi n. 191/2004, n. 266/2005 e n. 296/2006
1.2 Analisi dei diversi sistemi di affidamento: il pubblico incanto, la licitazione privata, l’appalto concorso, la trattativa privata con e senza bando, il cottimo fiduciario
1.3 Le procedure telematiche di acquisizione di beni e servizi previste dal D.P.R. 101/2002: negozio elettronico, market place, gare on-line
Allegato 1 - Capitolato speciale d’appalto per il servizio di gestione delle procedure telematiche d’acquisto
Allegato 2 - Bando di abilitazione al mercato elettronico
Allegato 3 - D.P.R. 4 aprile 2002, n. 101. Regolamento recante criteri e modalità per l’espletamento da parte delle amministrazioni pubbliche di procedure telematiche di acquisto per l’approvvigionamento di beni e servizi
2 I criteri di aggiudicazione
2.1 I criteri di aggiudicazione: il prezzo più basso, l’offerta economicamente più vantaggiosa
2.2 Le varianti (articolo 76 del D.Lgs. n. 163/2006)
2.3 Le offerte anormalmente basse
2.4 I requisiti per la partecipazione alle gare
2.4.1 Capacità economica e finanziaria, capacità tecniche, iscrizione nei registri professionali
2.4.2 Le dichiarazioni da produrre in sede di gara
2.5 Le problematiche connesse alle ATI ed ai consorzi
2.6 La documentazione di gara
2.6.1 Bando e capitolato di gara: normativa di riferimento, forma, contenuti e dichiarazioni, clausole fondamentali
2.6.2 La modulistica per la pubblicità di gara: in particolare, i nuovi modelli previsti dalla Comunione Europea
2.6.3 L’avviso di aggiudicazione e la pubblicità post-aggiudicazione
2.7 Forma e contenuto del contratto
2.7.1 Cauzione provvisoria e definitiva
2.7.2 Tempestività dei pagamenti alla luce del D.Lgs. n. 231/2002
2.7.3 Clausole di revisione dei prezzi
2.7.4 Le penalità contrattuali e le ipotesi di risoluzione del contratto
2.7.5 Il subappalto nelle forniture di beni e servizi: ammissibilità e regolamentazione
2.7.6 Cessione, durata, rinnovo, proroga del contratto e ripetizione dei servizi ex art. 57 del D.Lgs. n. 163/2006
Appendice normativa
D.Lgs. 9 ottobre 2002, n. 231. — Attuazione della direttiva 2000/ 35/CE relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle tra nsazioni commerciali
D.Lgs. 12 aprile 2006, n. 163. — Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE1
Legge 12 luglio 2006, n. 228. — Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 12 maggio 2006, n. 173, recante proroga di termini per l’emanazione di atti di natura regolamentare.
Ulteriori proroghe per l’esercizio di deleghe legislative e in materia di istruzione
3 L’istituzione dell’albo dei fornitori
3.1 Modalità operative per la creazione dell’albo
3.2 Composizione dell’albo
3.3 Procedura per l’istituzione e la formazione dell’albo
3.4 Utilizzazione dell’albo
3.5 Valutazione delle forniture e del fornitore
3.6 Cancellazione dall’albo dei fornitori
3.7 Validità dell’iscrizione all’albo dei fornitori. Pubblicazione e aggiornamento
3.8 Requisiti di iscrizione
3.9 Prospettive ed evoluzione
Allegato 1 - Disciplinare per l’istituzione dell’albo dei fornitori
4 Le spese in economia
4.1 Ambito oggettivo e soggettivo
4.2 Forme procedurali
4.3 Configurazione della procedura. I rapporti tra le procedure in economia e la trattativa privata
4.4 I regolamenti che disciplinano l’esecuzione di forniture e servizi in economia
4.5 I limiti di spesa
4.6 Lo svolgimento della procedura
4.7 L’esame delle offerte e l’ordinazione
4.8 L’esecuzione della prestazione. I controlli sull’ordinazione
Allegato 1 - Regolamento per l’acquisizione di beni e servizi in economia
Allegato 2 - Decreto del Presidente della Repubblica 20 agosto 2001, n. 384. Regolamento di semplificazione dei procedimenti di spese in economia
Luca Pontiggia
Dirigente del Settore Bilancio del Comune di Monza.