F. Di Biasi
SE/I10 I finanziamenti alle imprese
Gli aiuti di Stato nazionale - Testo aggiornato alla Finanziaria 2003 (L. 27 dicembre 2002, n. 289)
I finanziamenti alle imprese

2003

pp. 592

Prezzo €: 30,00

formato 17 x 24

 

(9788851301217)

 
 
 
 
 
 
 
 
 
Il problema delle risorse necessarie a finanziarie la nascita e l'espansione di attività economiche riguarda l'intero sistema delle imprese.
In tale ottica, i finanziamenti agevolati, ossia le erogazioni, da parte dei pubblici poteri, di somme - a fondo perduto o a tassi d'interesse minimi - destinate a incentivare le iniziative imprenditoriali, possiedono un'indiscutibile attrattiva.
Partendo dalle norme, molte delle quali comunitarie, che disciplinano le politiche degli aiuti, il testo passa in rassegna i principali interventi in materia di finanza agevolata, come la L. 488/92 (industria, turismo, commercio), la L. 215/92 (imprenditoria femminile), la L. 95/95 (imprenditoria giovanile), il D.Lgs. 185/2000 (autoimprenditorialità e autoimpiego), e descrive le procedure da seguire per accedere alle agevolazioni.
In particolare, per quanto attiene alla L. 488/92, l'analisi puntuale del provvedimento ne evidenzia l'evoluzione e l'attualità, mentre l'ampio spazio dedicato ai pareri espressi dal Comitato Tecnico Consultivo aiuta a comprenderne gli aspetti più controversi.

Parte Prima: I FINANZIAMENTI ALLE IMPRESE - 1 Il diritto della finanza agevolata: 1.1 Introduzione alla finanza agevolata - 1.2 La regolamentazione comunitaria - 1.3 Gli aiuti di Stato - 1.3.1 Gli interventi della Corte di Giustizia - 1.3.2 Le risorse finanziarie pubbliche - 1.3.3 La qualificazione economica dell’aiuto - 1.3.4 Altri aspetti giuridici - 1.3.5 Effetti giuridici sugli scambi tra Stati membri - 1.3.6 Il regime degli aiuti di Stato - 1.3.7 Il controllo sugli aiuti - 1.3.8 Gli aiuti autorizzati - 1.3.9 Gli aiuti di Stato a finalità regionale - 1.3.10 Carta degli aiuti regionali - 1.4 Regime de minimis - 1.4.1 Settori esclusi - 1.4.2 Equivalente Sovvenzione Netta e Lorda - 1.5 Le norme di indirizzo nell’ordinamento italiano - 1.5.1 Fondo per le aree sottoutilizzate - 1.5.2 L’intervento legislativo fondamentale: introduzione al d.lgs. 123/98 - 1.5.3 I provvedimenti agevolativi - 1.6 Le diverse tipologie - 1.6.1 Procedimento automatico - 1.6.2 Procedimento valutativo - 1.6.3 Procedimento negoziale - 1.6.4 I contratti di area - 1.7 Le diverse forme tecniche - 1.7.1 Contributo in conto capitale - 1.7.2 Contributo in conto gestione - 1.7.3 Contributo in conto canoni - 1.7.4 Credito d’imposta - 1.7.5 Bonus fiscale - 1.7.6 Esenzione fiscale - 1.7.7 Contributi in conto interessi e finanziamento agevolato - 1.7.8 Partecipazione al capitale sociale - 1.8 L’istituto delle garanzie - 1.8.1 La garanzia diretta - 1.8.2 I soggetti beneficiari - 1.8.3 La controgaranzia - 1.8.4 La cogaranzia - 2 La regionalizzazione degli aiuti: 2.1 Trasferimento delle funzioni alle regioni - 2.2 Fondo unico regionale - 2.3 Quadro delle leggi statali trasferite - 2.4 La legge Sabatini per l’acquisto dei macchinari - 2.4.1 Soggetti beneficiari - 2.4.2 Oggetto dell’agevolazione - 2.4.3 Importo dell’operazione agevolabile - 2.4.4 Modalità d’intervento - 2.4.5 Tassi agevolati - 2.4.6 Importo del contributo - 2.4.7 Iter procedurale - 2.5 La legge 598/1994 per l’innovazione e l’ambiente - 2.5.1 Imprese beneficiarie - 2.5.2 Investimenti e spese ammissibili per innovazione tecnologica - 2.5.3 Tutela ambientale: investimenti e spese ammissibili - 2.5.4 Durata - 2.5.5 Misura del contributo agli interessi - 2.5.6 Modalità operative - 2.6 Agevolazioni al commercio e al turismo: art. 11 della legge 27 dicembre 1997, n. 449 - 2.6.1 I soggetti beneficiari - 2.6.2 Spese ammissibili - 2.6.3 Tipologia dell’agevolazione - 2.6.4 Modalità e procedure per la concessione delle agevolazioni - 2.6.5 Controlli, revoche, sanzioni - 2.7 Innovazione alle imprese industriali di cui alla legge n. 140/97 - 2.7.1 Soggetti beneficiari - 2.7.2 Investimenti agevolabili - 2.7.3 Spese ammissibili - 2.7.4 Misura dell’intervento - 2.7.5 Procedura di attivazione - 2.8 Gli incentivi automatici alle imprese: legge n. 341/1995 e legge n. 266/1997 - 2.8.1 Soggetti beneficiari - 2.8.2 Ubicazione delle attività - 2.8.3 Iniziative e spese ammissibili - 2.8.4 Spese ammissibili - 2.8.5 Misura dell’intervento - 2.8.6 Procedura di attivazione - 2.9 Agevolazioni per le imprese artigiane - 2.9.1 Intervento agevolativo - 2.9.2 Tassi applicati - 2.9.3 Iter per la presentazione - 2.10 Legge 27 febbraio 1985, n. 49. - 2.10.1 Soggetti beneficiari - 2.10.2 Requisiti formali - 2.10.3 Investimenti e spese ammissibili - 2.10.4 Tipologia di contributo - 2.10.5 Iter della domanda - 2.10.6 Garanzie - 3 La piccola e media impresa: 3.1 L’ordinamento italiano - 3.1.1 Quadro normativo - 3.2 Le classificazioni delle imprese - 3.2.1 Piccola e media impresa - 3.2.2 Piccola impresa - 3.2.3 Microimpresa - 3.2.4 Piccola e media impresa fornitrice di servizi - 3.2.5 Piccola impresa fornitrice di servizi - 3.2.6 Media impresa dei settori commerciale e servizi - 3.2.7 Piccola impresa dei settori commerciale e servizi - 3.3 I requisiti formali - 3.3.1 Il requisito dell’indipendenza delle imprese - 3.3.2 I vari aspetti interpretativi - 3.3.3 Calcolo dei parametri - 3.4 Il tema delle aree depresse - 3.4.1 Aree depresse - Obiettivo 1 - 3.4.2 Aree depresse - Obiettivo 2 - 3.4.3 Intensità dell’aiuto - 4 La legge n. 488/92: 4.1 Disciplina generale - 4.1.1 Operatività della legge n. 488/92 - 4.1.2 Altre estensioni della legge 488/92 - 4.2 Profili giuridici - 4.2.1 I requisiti formali - 4.2.2 Graduazione e livelli d’agevolazione - 4.2.3 Limiti dimensionali - 4.3 Disponibilità del suolo - 4.3.1 Ipotesi concessione demaniale - 4.3.2 Ipotesi aree industriali - 4.3.3 Rispondenza ai vincoli urbanistici - 4.4 Nozioni interpretative - 4.4.1 Concetto di unità produttiva - 4.4.2 Area produttiva da valutare - 4.4.3 Variazioni al programma d’investimento - 4.4.4 Cessione d’azienda o di ramo d’azienda. - 4.4.5 Ipotesi outsourcing - 4.4.6 La cauzione - 4.5 Legge n. 488/92 - Industria - 4.5.1 Soggetti beneficiari: industria e servizi - 4.5.2 Limitazioni ed esclusioni per il settore industria - 4.5.3 Programmi ammissibili - 4.5.4 Grandi progetti settori industria - 4.5.5 Spese ammissibili - 4.5.6 Decorrenza - 4.5.7 Disciplina generale delle spese - 4.5.8 Ipotesi particolari - 4.6 Legge n. 488/1992 - Turismo - 4.6.1 La riforma della legislazione del turismo - 4.6.2 Soggetti beneficiari settore turismo - 4.6.3 Iniziative e spese ammissibili - 4.6.4 I servizi considerati annessi - 4.6.5 Spese ammissibili e relativi divieti - Settore turismo - 4.6.6 Grandi progetti settori turismo - 4.7 Legge n. 488/92 - Settore commercio - 4.7.1 Premessa - 4.7.2 Estensione al settore dei pubblici esercizi - 4.7.3 Soggetti beneficiari - 4.7.3.1 Esercizi commerciali di vendita al dettaglio classificati esercizi di vicinato inseriti in centri commerciali. - 4.7.3.2 Esercizi commerciali classificati esercizi di vicinato aderenti a forme associative - 4.7.3.3 Esercizi commerciali aderenti a strutture operative dell’associazionismo economico operanti con propria insegna commerciale - 4.7.3.4 Esercizi commerciali di vendita al dettaglio classificati media struttura - 4.7.3.5 Esercizi commerciali di vendita al dettaglio classificati grande struttura. - 4.7.3.6 Esercizi commerciali di vendita all’ingrosso e centri di distribuzione - 4.7.3.7 Attività commerciale di vendita per corrispondenza - 4.7.3.8 Attività di commercio elettronico - 4.7.4 I servizi reali - 4.7.4.1 Centri di assistenza tecnica - 4.7.4.2 Società di gestione - 4.7.5 Programmi e spese ammissibili - 4.7.6 Le diverse tipologie - 4.7.7 Le fattispecie dei servizi complementari - 4.7.8 Spese ammissibili e relativi divieti - Settore commercio - 4.7.9 Note interpretative sulla superficie - 4.7.10 Grandi progetti commercio - 4.8 Il PIA (pacchetti integrati agevolazioni) - 4.8.1 Tipologie agevolative - 4.8.2 Soggetti beneficiari - 4.8.3 Programmi ammissibili - 4.8.4 Spese ammissibili - 4.8.5 Agevolazioni - 4.8.6 PIA Pacchetti integrati alla formazione agevolata - 5 L’iter procedurale della legge n. 488/92: 5.1 Banche concessionarie e istituti collaboratori - 5.1.1 Compiti dell’istituto collaboratore - 5.1.2 Operazioni in leasing - 5.1.3 Ruolo delle banche concessionarie - 5.2 Presentazione della richiesta - 5.2.1 I termini - 5.2.2 Limitazioni e divieti relative alle domande - 5.2.3 Mezzi di presentazione - 5.3 Elenco della documentazione - 5.3.1 La domanda - 5.3.2 La cauzione - 5.3.3 La scheda tecnica - 5.3.4 Il business plan - 5.3.5 Planimetria generale ed elaborati grafici - 5.3.6 Altra documentazione - 5.3.7 I bilanci delle imprese - 5.3.8 Altra documentazione rilasciata dalla camera di commercio - 5.4 Domanda ripresentata - 5.5 Tempi di realizzazione del programma - 5.6 La fase istruttoria - 5.6.1 Verifiche preliminari - 5.6.2 Fase istruttoria effettiva - 5.7 Gli indicatori - 5.7.1 Indicatore n. 1 - 5.7.2 Indicatore n. 2 - 5.7.3 Indicatore n. 3 - 5.7.4 Indicatore n. 4 - 5.7.5 Indicatore n. 5 - 5.8 Compilazione della graduatoria e concessione provvisoria - 5.8.1 Compilazione della graduatoria - 5.8.2 Concessione provvisoria - 5.8.3 Verifica a consuntivo del valore degli indicatori - 5.9 Erogazione delle agevolazioni - 5.9.1 Adempimenti del Ministero - 5.9.2 Modalità di richiesta - 5.9.3 Documentazione - 5.9.4 Erogazione dell’agevolazione - 5.10 Revoca delle agevolazioni - 5.11 Monitoraggio - 6 Imprenditoria giovanile: 6.1. La nuova legge agevolativa - 6.1.1 Società per l’imprenditoria giovanile - 6.1.2 Soggetti beneficiari - 6.1.3 Territori di applicazione della legge - 6.1.4 Le tipologie di società ammissibili - 6.1.5 Settori economici ammessi - 6.1.6 La tipologia dei benefici - 6.1.7 Le spese ammissibili - 6.1.8 Contributo per le spese di gestione - 6.2 Iter della domanda - 6.2.1 Domanda d’ammissione alle agevolazioni - 6.2.2 Il progetto d’impresa - 6.2.3 Procedura - 6.3 Attuazione del provvedimento d’ammissibilità alle agevolazioni - 6.3.1 Stipulazione del contratto - 6.3.2 Mutuo agevolato - 6.4 Servizio di tutoraggio - 6.4.1 Caratteristiche del servizio - 6.4.2 I vincoli previsti dalla legge - 7 Incentivi in favore dell’autoimprenditorialità: 7.1 La disciplina normativa - 7.1.1 Costituzione di Sviluppo Italia - 7.1.2 Ambito territoriale d’applicazione - 7.1.3 Incentivi concessi - 7.1.4 Spese di investimento ammissibili - 7.1.5 Spese di gestione ammissibili - 7.1.6 Settori ammessi - 7.2 Misure in favore dell’autoimprenditorialità nei settori della produzione dei beni e dei servizi alle imprese - 7.2.1 Soggetti beneficiari - 7.2.2 Progetti finanziabili - 7.3 Misure in favore della nuova imprenditorialità nel settore dei servizi - 7.3.1 Soggetti beneficiari - 7.3.2 Progetti finanziabili - 7.4 Misure in favore della nuova imprenditorialità in agricoltura - 7.4.1 Tipologia dell’intervento - 7.4.2 Soggetti beneficiari - 7.4.3 Progetti finanziabili - 7.5 Misure in favore delle cooperative sociali - 7.5.1 Aspetti dell’intervento agevolativo - 7.5.2 Soggetti beneficiari - 7.5.3 Progetti finanziabili - 7.6 Incentivi in favore dell’autoimpiego - 7.6.1 Soggetti beneficiari - 7.6.2 Ambito territoriale d’applicazione - 7.6.3 Tipologie di intervento - 7.7 Misure in favore del lavoro autonomo - 7.7.1 Soggetti beneficiari - 7.7.2 Progetti finanziabili - 7.7.3 Benefici finanziari per gli investimenti - 7.7.4 Servizi reali - 7.8 Misure in favore dell’autoimpiego in forma di microimpresa - 7.8.1 Iniziative agevolabili - 7.8.2 Soggetti beneficiari - 7.8.3 Le agevolazioni finanziarie - 7.8.4 Azione di tutoraggio - 7.9 Misure in favore dell’autoimpiego in franchising - 7.9.1 Soggetti beneficiari - 7.9.2 Progetti finanziabili - 7.9.3 Le agevolazioni finanziarie - 7.9.4 Azioni di tutoraggio - 7.9.5 Modalità di presentazione della domanda lavoro autonomo e autoimpiego. - 7.9.6 Domanda di ammissione - 7.9.7 Procedimento di valutazione delle domande - 7.9.8 Vincoli sull’attività e sugli investimenti - 8 Imprenditoria femminile: 8.1 Disciplina generale - 8.1.2 Il portato giuridico della legge n. 215/92 - 8.1.2 Il riparto regionale dei fondi per il quarto bando - 8.1.3 Integrazione regionale delle risorse - 8.2 I profili organizzativi - 8.2.1 Soggetti beneficiari - 8.2.2 Concetto di partecipazione femminile - 8.2.3 Dimensione di piccola impresa - 8.2.4 I requisiti - 8.2.5 Territori ammessi - 8.2.6 Settori ammissibili - 8.2.7 Iniziative ammissibili - 8.2.8 Spese ammissibili - 8.2.9 Spese ammissibili per i servizi reali - 8.2.10 Altre disposizioni - 8.3 Misure degli incentivi - 8.3.1 Agevolazioni - 8.3.2 Misure massime delle agevolazioni in ESN ed ESL per le piccole imprese - 8.3.3 Applicazione del regime de minimis - 8.3.4 Misura delle agevolazioni de minimis - 8.3.5 Limitazioni agevolative per il settore agricolo - 8.3.6 Intervento dei Fondi pubblici di garanzia - 8.3.7 Corsi di formazione e servizi di consulenza - 8.3.8 Decorrenza di ammissibilità delle spese - 8.4 Iter procedurale - 8.4.1 Criteri di priorità per la formazione delle graduatorie - 8.4.2 Criteri di priorità regionale - 8.4.3 Erogazione dei contributi e realizzazione degli investimenti - 8.4.4 Cumulabilità - 8.4.5 Punteggio complessivo finale - 8.4.6 Scostamenti dei valori - 8.4.7 Riconferma delle domande - 9 La ricerca scientifica e tecnologica: 9.1 Fondo innovazione tecnologica - 9.1.1 Quadro europeo in materia di ricerca - 9.1.2 Natura giuridica degli interventi - 9.1.3 Le finalità del FIT (Fondo per l’innovazione tecnologica) - 9.1.4 Soggetti beneficiari - 9.1.5 Requisiti dei soggetti - 9.1.6 Agevolazioni - 9.1.7 Le maggiorazioni agevolative - 9.1.8 Determinazione delle agevolazioni - 9.1.9 Durata dei programmi - 9.1.10 Spese ammissibili - 9.1.11 Il requisito dell’aggiuntività - 9.2 Iter procedurale - 9.2.1 Presentazione della domanda - 9.2.2 Istruttoria dei programmi e concessione delle agevolazioni - 9.2.3 Erogazioni delle agevolazioni - 9.2.4 Accertamenti e revoche - 9.3 Funzioni del Comitato tecnico - 10 Fondo agevolazione ricerca: 10.1 Caratteristiche del fondo - 10.1.1 Soggetti beneficiari - 10.2 Iter procedurali - 10.2.1 Le finalità del FAR - 10.2.2 Presentazione della domanda - 10.2.3 Comitato Tecnico - 10.2.4 Istruttoria - 10.3 Le forme e le misure dell’agevolazione - 10.3.1 Prima ipotesi - 10.3.2 Seconda ipotesi - 10.3.3 Terza ipotesi - 10.3.4 Quarta ipotesi - 10.4 I costi ammissibili - 10.5 Progetti di valore superiore a 7,5 Meuro - 10.6 Progetti di ricerca intergovernativi - 10.7 Progetti di formazione - 10.8 Progetti per la realizzazione di infrastrutture di ricerca - 10.9 Progetti di ricerca per il recupero di competitività - 10.10 Progetti di ricerca per la nascita di nuove imprese - 10.11 Gli interventi con procedura negoziale - 10.12 Ulteriori iniziative di programmazione - 10.13 Gli interventi con procedura automatica - 10.14 Assunzioni, borse di studio, commesse di ricerca - 10.15 Premi specifici per PMI
Parte Seconda: PARERI ESPRESSI DAL COMITATO TECNICO-CONSULTIVO SULL’APPLICAZIONE DELLA L. N. 488/1992 - 1 Soggetti destinatari - 1.1 Casi di mancata indicazione di banca - 1.2 Soggetti legittimati - 2 Mezzi propri - 2.1 Delibera di aumento del capitale sociale - 2.2 Utili generati - 2.3 Caso pratico: ricostruzione opificio - 2.4 Mezzi propri - 2.5 Apporto di capitale proprio - 2.6 Poste di bilancio utilizzabili - 2.7 Utili conseguiti e ammortamenti anticipati - 2.8 Conversione di specifiche poste del passivo patrimoniale - 2.9 Riserve di utili esistenti nel bilancio - 2.10 Apporto capitale tramite finanziamenti per cassa - 3 Dimensione dell’impresa - 3.1 Capitale in mani di Fiduciaria - 3.2 Partecipazioni per oltre il 25% - 3.3 La dimensione di un’impresa - 3.4 Cumulabilità con legge n. 49/1985 - 3.5 Cumulabilità con legge n. 64/86 e legge regionale 96/1981 - 3.6 Cumulabilità con Fondi Bei - 3.7 Applicazione della legge “Visco” - 3.8 Cumulabilità con legge n. 10/1991 - 4 Ripresentazione delle domande - 4.1 Ripresentazione del programma con variazione - 4.2 Concessione in fitto d’azienda - 5 Documentazione - 5.1 Elaborati grafici e planimetrie - 5.2 Perizia giurata - 5.3 Disponibilità suolo e fabbricati - 5.4 Programmi misti - 5.5 Documentazione per autorizzazione ambiente - 5.6 Disponibilità suolo e fabbricati e leasing immobiliare - 5.7 Opere murarie e perizia giurata - 5.8 Stato di avanzamento del programma - 5.9 Disponibilità suolo e fabbricati - 6 Settori di attività - 6.1 Impianto olio di sansa - 6.2 Nuova raffineria di oli alimentari - 6.3 Nuovo impianto per la selezione di sementi di grano duro e di granaglie - 6.4 Fabbricazione di bidoni in acciaio e di contenitori analoghi - 6.5 Mattazione e trasformazione colombi - 6.6 Attività: produzione di vermouth, spumanti e liquori - 6.7 Mangimi per animali - 6.8 Collaudi ed analisi tecniche - 6.9 Produzione di derivati del latte - 6.10 Comprovata insufficienza di impianti nella regione - 6.11 Recupero e preparazione per il riciclaggio - 6.12 Centro di conservazione, confezionamento e commercializzazione di prodotti orticoli - 6.13 Settori estrattivi - 6.14 Settore conglomerati bituminosi - 6.15 Settore alimentare del concentrato di pomodoro - 6.16 Laboratorio di analisi - 6.17 Attività nell’ambito grafico-editoriale - 6.18 Montaggio di impianti tecnici ed opere connesse - 6.19 Nuovo impianto per la molitura di olive - 6.20 Selezione meccanica, essiccazione e calibratura di sementi - 6.21 Attività di stoccaggio, miscelazione, filtraggio dell’olio di semi e di oliva e successivo imbottigliamento - 6.22 Produzione, lavorazione, trasformazione e conservazione di fiori freschi ed essiccati - 6.23 L’acquisto di impianti per la raffinazione dell’olio grezzo - 6.24 Servizi di vigilanza, investigazioni e indagini private per conto terzi - 6.25 L’ammodernamento del laboratorio - 6.26 Attività di imbottigliamento del GPL - 6.27 Produzione di mosto concentrato tradizionale - 6.28 Stoccaggio di grano duro a servizio di una industria di pastificazione - 6.29 Lavanderie Industriali - 6.30 Produzione e trasmissione di spettacoli e programmi radiotelevisivi - 6.31 Attività di trattamento di rifiuti inquinanti - 6.32 Attività di telecomunicazioni - 6.33 Produzione e ripresa di spettacoli, programmi ed eventi in generale radiotelevisivi - 6.34 Consorzio tra le imprese artigiane produttive - 6.35 Realizzazione di un opificio - 6.36 Vinificazione delle uve conferite dai soci - 6.37 Impianto molitorio di tipo industriale - 6.38 Servizi di ingegneria integrata - 6.39 Investimenti per la tutela ambientale: definizione - 6.40 Installazione di impianti pneumatici - 6.41 Nuovo caseificio - 6.42 Lavaggi e bonifiche industriali, riparazioni e manutenzioni - 6.43 Realizzazione di un centro elaborazione - 6.44 Organizzazione, gestione e conservazione di archivi per conto terzi - 6.45 Produzione di software e assistenza al software - 6.46 Produzione dei derivati del latte - 6.47 Manutenzione e riparazione delle pompe sommerse - 6.48 Produzione industriale di alimenti precotti - 6.49 Attività di imballaggio e/o confezionamento - 6.50 Imprese fornitrici di servizi - 6.51 Società che gestisce un campeggio - 6.52 Ristrutturazione di un impianto di raffinazione di petroli - 6.53 Attività agrituristica - 6.54 Nuovo impianto per la produzione di olio - 6.55 Attività agrituristica - 6.56 Produzione di gelati - 6.57 Colture miste vitivinicole, olivicole e frutticole - 6.58 Residenze di campagna (country house) - 6.59 Iniziativa relativa alla costruzione di un complesso turistico-portuale — Regione Veneto - 6.60 Smaltimento e depurazione delle acque di scarico - 6.61 Carne bovina, suina e ovicaprina - 6.62 Prodotto innovativo - 6.63 Latte e relativi derivati - 6.64 Vinificazione - 6.65 Cereali e riso - 6.66 Produzione di grappa ottenuta distillando vinaccia - 6.67 Trasferimento per ragioni ambientali - 6.68 Associazione in partecipazione - 6.69 Realizzazione e gestione di un sistema di nastri trasportatori per carbone - 6.70 Unità mobile per le visite presso le aziende convenzionate - 6.71 Produzione di energia elettrica - 6.72 Altre attività connesse ai trasporti per via d’acqua - 6.73 Miglioramento del controllo di qualità - 6.74 Nuovo impianto di trasformazione dei prodotti di origine comunitaria - 6.75 Attività di molitura cereali per alimentazione animale - 6.76 Trattamento degli scarti di lavorazione - 6.77 Impianto di stordimento elettronico - 6.78 Portale Internet - 6.79 Produzione di formaggi ovi-caprini - 6.80 Campo della vigilanza privata - 6.81 Produzione di limoncello, mandarinello ed altre bevande simili - 6.82 Disponibilità dell’impianto - 6.83 Lavorazione e conservazione di frutta e ortaggi - 6.84 Produzione di un alimento precotto - 6.85 Stabilimento per la lavorazione di carni bovine - 6.86 Stabilimento destinato alla lavorazione di cacciagione - 6.87 Una nuova società di servizi - 6.88 Investimenti di ristrutturazione degli zuccherifici - 6.89 Cernita di materiali ferrosi e non e preparazione dei medesimi per l’uso industriale - 6.90 Struttura per l’addestramento al tiro - 6.91 Attività di disinquinamento marino, recupero e trattamento idrocarburi - 6.92 Impianto per la selezione di sementi di grano duro e di granaglie - 6.93 Confezionamento di prodotti ortofrutticoli - 6.94 Produzione e confezionamento di funghi artificiali - 6.95 Nuovo impianto per la produzione di prosciutti - 6.96 Nuovo impianto finalizzato alla surgelazione e conservazione di latte ovino - 6.97 Magazzinaggio e custodia - 6.98 Terze, quarte e quinte lavorazioni - 6.99 Cooperative tra farmacisti - 6.100 Ristoranti - 6.101 Ristorante annesso a una struttura ricettiva gestita da altra società - 6.102 Commercio all’ingrosso di prodotti ortofrutticoli - 6.103 Sale da Bingo - 6.104 Impianto descritto come “degassificatore” - 7 Attività istruttoria - 7.1 Investimento già completato prima della presentazione della domanda (periodo 91-94) - 7.2 Perdite prodotte nel corso di realizzazione del programma - 7.3 Parere negativo - 7.4 Correttezza del codice ISTAT - 7.5 Attività mista in cui quella prevalente non sia agevolabile - 7.6 Acquisto da socio e valutazione del costo - 7.7 Società che non deliberi l’operazione di leasing - 7.8 Calcolo agevolazione leasing - 7.9 Spese ammissibili e riclassificazione - 7.10 Affitto d’azienda - 7.11 Variazione ubicazione intervento - 7.12 Cantieristica navale - 7.13 Modifica al programma di investimenti originariamente prospettato - 7.14 Comune sul quale lo stabilimento insiste prevalentemente - 7.15 Capitale proprio preesistente - 7.16 Variazione ubicazione intervento - 7.17 Associazione in partecipazione - 7.18 Cambio di fornitore - 7.19 Assunzione personale - 7.20 Cessione di azienda - 7.21 Disponibilità suolo e fabbricati - 7.22 Società controllate e collegate - 7.23 Imposizione fiscale - 7.24 Indicatori ambientali - 7.25 Validità formale - 7.26 Programmi temporalmente sovrapposti - 7.27 Fornitura di servizi di interconnessione a Internet - 7.28 Ritiro della domanda - 7.29 Iscrizione INPS - 7.30 Gestione di struttura ricettiva - 7.31 Unicità tra chi realizza il programma di investimenti e chi gestisce le relative strutture - 7.32 Acquisto di immobile da soci o parenti/affini - 7.33 Iscrizione al registro imprese - 7.34 Valutazione della preesistenza - 7.35 Servizi annessi/struttura esistente - 7.36 Vincoli di destinazione d’uso - 7.37 Rilascio della concessione edilizia in sanatoria - 7.38 Business plan, parte numerica - 7.39 Disponibilità suolo e fabbricati in regime di concessione demaniale - 7.40 Servizi annessi e stabilimento balneare - 7.41 Alloggi agrituristici e agriturismo in generale - 7.42 Servizi annessi a struttura agrituristica - 7.43 Servizi annessi/struttura esistente - 7.44 Comodato gratuito - 7.45 Consorzio di imprese con rilevanza esterna - 7.46 Unità produttiva e destinazione d’uso - 7.47 Destinazione d’uso - 7.48 Provenienza comunitaria materie prime - 7.49 Autorizzazione ambiente - 7.50 Piena disponibilità dell’immobile - 7.51 Domanda ripresentata - 7.52 Disponibilità dell’immobile sede dell’investimento - 7.53 Disponibilità suolo e fabbricati e rispondenza ai vincoli edilizi, urbanistici e di destinazione d’uso - 7.54 Ipotesi da procedura fallimentare - 7.55 Ripresentazione domanda - 7.56 Imprese individuali e non ancora operanti - 7.57 Superficie di vendita degli esercizi commerciali di vendita al dettaglio - 7.58 Valutazione superficie di vendita - 7.59 Esercizi di vicinato - 7.60 Esercizi di vicinato e possesso dei requisiti - 7.61 Esercizio di più attività - 7.62 Legge regionale siciliana e mutamento di destinazione d’uso - 8 Spese ammissibili - 8.1 Opere immobiliari esterne all’area aziendale - 8.2 Spese di rappresentanza - 8.3 Spese di studio e progettazione - 8.4 Acquisto di beni in valuta estera - 8.5 Attrezzature in prestito d’uso - 8.6 Cumulabilità delle agevolazioni - 8.7 Rilevazione da fallimento - 8.8 Cumulabilità delle agevolazioni con legge n. 341/95 - 8.9 Adeguamento alla legge n. 626/94 di immobili preesistenti - 8.10 Mezzi mobili - 8.11 Arredi e valutazione delle spese - 8.12 Spese di studio e progettazione - 8.13 Spese ammissibili, automezzi - 8.14 Società controllate e collegate - 8.15 Acquisto di automezzi attrezzati - 8.16 Costruzione di infrastrutture specifiche di protezione - 8.17 Spese ammissibili mezzi mobili - 8.18 Macchinari e attrezzature, servizi - 8.19 Spese per computers per agenti, servizi - 8.20 Spese ammissibili di attrezzature in prestito d’uso - 8.21 Acquisto del suolo e diritto di superficie - 8.22 Importazione parallela - 8.23 Attività estrattiva e utilizzo automezzi - 8.24 Spese ammissibili telecomunicazioni - 8.25 Spese di studio e progettazione - 8.26 Acquisto di diritti d’uso - 8.27 Apparecchi da istallare presso le famiglie campione - 8.28 Investimenti per la tutela ambientale - 8.29 Spese ammissibili per realizzazione di immobile per uffici - 8.30 Spese ammissibili per opere murarie e macchinari - 8.31 Spese ammissibili per acquisto di brevetto - 8.32 Apparecchi mobili ricetrasmittenti - 8.33 Spese per elaborazione di software - 8.34 Spese per software - 8.35 Unità locale diversa da quella produttiva - 8.36 Spese per software applicativo e di base - 8.37 Acquisto di immobile da società controllate e collegate - 8.38 Servizi annessi - 8.39 Acquisto del suolo e limitazioni - 8.40 Nuova attività ricettiva con annesso centro congressi e ristorante, localizzata in Campania - 8.41 Struttura ricettiva principale - 8.42 Market interni alle strutture gestiti da imprese terze - 8.43 Acquisto di immobili di proprietà di parenti o affini dei soci - 8.44 Spese relative all’acquisto di un immobile esistente - 8.45 Servizi annessi con chiesa e sala degustazione - 8.46 Spese ammissibili in opere di sicurezza - 8.47 Servizi annessi e parti indispensabili - 8.48 Servizi annessi e periodo di apertura - 8.49 Agenzie di viaggio e sito WEB - 8.50 Mezzi mobili e imbarcazioni - 8.51 Spese ammissibili di mezzi mobili - 8.52 Manutenzione ordinaria - 8.53 Manutenzione straordinaria e demolizioni - 8.54 Allevamento zootecnico di carattere prettamente agricolo - 8.55 Abitazione soci - 8.56 Spese ammissibili, ipotesi chiavi in mano - 8.57 Acquisto suolo e data fattura - 8.58 Vigilanza privata e mezzi mobili - 8.59 Acquisto di immobile e società controllate e collegate - 8.60 Impianti di telecomunicazione e reti in fibra ottica - 8.61 Acquisto automezzi per raccolta e smaltimento rifiuti - 8.62 Immobile interessato da una richiesta di condono edilizio - 8.63 Acquisto del suolo e spese di esproprio - 8.64 Strumento opto/elettronico utilizzato per i rilievi plano/altimetrici di campagna - 8.65 Attrezzature portatili per la rilevazione/elaborazione dati - 8.66 Impianti eolici - 8.67 Contributo di allacciamento per l’utilizzo di ponti radio - 8.68 Laboratorio mobile - 8.69 Mezzo speciale - 8.70 Acquisto di immobili in costruzione - 8.71 Contratto chiavi in mano e società controllate e collegate - 8.72 Mezzi di trasporto e attrezzature annesse - 8.73 Acquisto di immobile e sua disponibilità - 8.74 Capitalizzazione di imprese minori - 8.75 Acquisto di immobile e demolizione successiva - 8.76 Scorporare un ramo aziendale - 8.77 Distrazione dei beni dall’uso previsto - 8.78 Notizie di vigenza - 8.79 Locazione finanziaria e operazione Sabatini - 8.80 Realizzazione in economia delle opere murarie - 9 Programmi misti - 9.1 Programmi misti con società di leasing non convenzionate - 9.2 Determinazione della dimensione dell’impresa - 9.3 Possibile sostituzione di società di leasing - 9.4 La dichiarazione di fine lavori e la documentazione finale di spesa - 10 Gli indicatori della legge 488/92 - 10.1 Chiarimenti - 10.2 Indicatori, verifica, termini - 10.3 Indicatori, occupazione - 10.4 Indicatori, occupazione, tipologia d’investimento - 10.5 Indicatori, mezzi propri, utili - 10.6 Opzione a favore della legge Tremonti - 10.7 Ipotesi di revoca delle agevolazioni per scostamenti dei primi due indicatori - 10.8 Ammortamenti accelerati - 10.9 Variazione - 10.10 Indicatori e occupazione - 10.11 Indicatori, occupazione, contratti di formazione - 10.12 Indicatori, mezzi propri, contributi in conto capitale - 10.13 Indicatori ambientali e valore della produzione - 10.14 Indicatori ambientali, riattivazione - 10.15 Indicatori ambientali - 10.16 Indicatori ambientali e dati precedenti - 10.17 Indicatori ambientali e consumo di acqua ed energia - 10.18 Indicatori ambientali regionali - 10.19 Indicatori, occupazione, calcolo - 10.20 Indicatori ambientali, energia - 10.21 Indicatori, occupazione, servizi annessi - 10.22 Acqua di processo - 10.23 Indicatori regionali e servizi annessi - 10.24 Conferimento dei soci in conto aumento - 10.25 Prelevamento dei soci - 10.26 Apporto di capitale proprio - 10.27 Indicatori e ricalcolo a consuntivo - 10.28 Ditta individuale e capitale proprio - 11 Tipologia dell’investimento - 11.1 Tipologia investimento di ampliamento - 11.2 Impianti inattivi - 11.3 Impianto distrutto da sinistro - 11.4 Riattivazione - 11.5 Realizzazione di un nuovo caseificio - 11.6 Progetto di ampliamento che si sovrappone con il precedente - 11.7 Nuovo impianto - 11.8 Riattivazione - 11.9 Ampliamento - 11.10 Nuovo impianto - 11.11 Ampliamento struttura ricettiva - 11.12 Presentazione di domande riferite a distinti investimenti - 11.13 Trasferimento per ragioni ambientali - 11.14 Contratto d’area - 12 Quesiti vari - 12.1 Ubicazione unità produttiva - 12.2 Cambio ubicazione - 12.3 Possibile sostituzione di società di leasing - 12.4 Leasing, parere negativo e ripristino della domanda originaria - 12.5 Operazioni in pool - 12.6 Lease-back dell’immobile - 12.7 Passaggio regime contabile - 12.8 Trasferimento al cliente di quota del contributo nell’ipotesi della locazione - 12.9 Cauzione trattenuta - 12.10 Ditta individuale e ripresentazione domanda
Appendice D.M. 3 luglio 2000 — Testo unico delle direttive per la concessione e l’erogazione della agevolazioni alle attività produttive nelle aree depresse ai sensi dell’art. 1, c. 2, del d.l. 22 ottobre 1992, n. 415, convertito, con modificazioni, dalla l. 19 dicembre 1992, n. 488 e ai sensi dell’art. 18, c. 1, lettera aa) del d.lgs. 31 marzo 1998, n. 112
D.Lgs. 21 aprile 2000, n. 185 — Incentivi all’autoimprenditorialità e all’autoimpiego, in attuazione dell’art. 45, c. 1, della l. 17 maggio 1999, n. 144
D.Lgs. 31 marzo 1998, n. 123 (G.U. n. 99 del 30 aprile 1998) — Disposizioni per la razionalizzazione degli interventi di sostegno pubblico alle imprese, a norma dell’art. 4, c. 4, lett. c), della l. 15 marzo 1997, n. 59
L. 19 dicembre 1992, n. 488 (G.U. 299 del 21 dicembre 1992). — Conversione in legge, con modificazioni, del d.l. 22 ottobre 1992, n. 415, recante modifiche alla l. 1° marzo 1986, n. 64, in tema di disciplina organica dell’intervento straordinario nel Mezzogiorno e norme per l’agevolazione delle attività produttive
L. 25 febbraio 1992, n. 215 (G.U. 7 marzo 1992, n. 56).
— Azioni positive per l’imprenditoria femminile
Circ. Ministero dell’Industria 14 luglio 2000, n. 900315 — Decreto del Ministro dell’Industria, del Commercio e dell’Artigianato n. 527 del 20 ottobre 1995 modificato ed integrato dai dd.mm. n. 319 del 31 luglio 1997 e n. 133 del 9 marzo 2000, concernente il regolamento di cui all’art. 5, c. 1 del d.lgs. 3 aprile 1993, n. 96, sulle modalità e le procedure per la concessione ed erogazione delle agevolazioni alle attività produttive nelle aree depresse del Paese. Circolare esplicativa.
Allegato Elenco delle aree depresse delle regioni: Piemonte, Valle D’Aosta, Lombardia, Trentino Alto Adige, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Marche, Lazio, Abruzzo, Molise
Bibliografia